metodo piedi cuore testa mani

Piedi cuore testa mani: un progetto di innovazione sociale

 

IL PROGETTO

Piedi cuore testa mani è finanziato dall’Impresa Sociale Con i bambini, soggetto attuatore del Fondo per il Contrasto della Povertà Educativa Minorile (finanziato dalla L 208 del 28/12/2015), a valere sul Bando Adolescenza che finanzia proposte di progetti “esemplari” per il contrasto della povertà educativa minorile, ovvero per ragazzi tra gli 11 e i 17 anni.

 

I PARTNER

Il capofila è la Coop La Roccia di Scampia, affiancata da altre realtà associative del quartiere tra cui l’IPAM e l’associazione Dream Team e la Fondazione Città Nuova.

Hanno sposato lo spirito del progetto anche le realtà scolastiche del quartiere tra cui l’IC Rodari Moscati.

 

L’OBIETTIVO

Il progetto intende intervenire sui fattori che permettono il circuito vizioso di bassa scolarizzazione, disagio economico, culturale e sociale e la conseguente incidenza di attività criminali, di autoalimentarsi e di persistere nel tempo.

 

L’INNOVAZIONE: IL METODO

Il metodo che da il nome al progetto ”Piedi Cuore Testa Mani” è maturato nell’esperienza ventennale su un contesto difficile come quello di Scampia. Il suo ideatore, Padre Fabrizio Valletti, lo ha elaborato e sperimentato nell’esperienza dello scoutismo.

 

I Piedi, scambio di opportunità indicano la necessità di iniziare con l’ampliare il vissuto esperienziale delle persone culturalmente più povere, attraverso iniziative che prevedono il coinvolgimento di una rete di soggetti del sistema educativo, sociale e professionale che collaborano tra loro trasferendo esperienze e buone pratiche.

Hanno poi risposto all’invito per contribuire a condividere l’iniziativa del progetto anche tante realtà del territorio di Caivano tra cui IC3 Parco Verde e l’Associazione Un’infanzia da vivere.

Il progetto ha avuto il patrocinio dell’Assessorato alla Scuola del Comune di Napoli.

 

Il Cuore, per suscitare emozioni, rileggendo, rielaborando tale vissuto in termini emotivi, attraverso l’azione di educatori, così da permettere la scoperta e l’acquisizione dell’intelligenza emotiva e fornire ai partecipanti strumenti necessari per leggere e interpretare la realtà mostrata.

 

La Testa, razionalizzare esperienza ed emozioni, finalizzata alla presa di coscienza delle proprie emozioni, motiva all’apprendimento attraverso momenti di formazione e confronto tra i ragazzi e gli operatori preposti per il recupero delle capacità di saper essere e rendendo capaci di agire per realizzare il proprio potenziale e il progetto  personale anche attraverso attività pratiche.

 

Le Mani per avvicinarsi ad un mestiere attraverso percorsi di formazione pratica, professionalizzante, supportati da un serie di infrastrutture quali laboratori didattici già esistenti e implementati nel corso del progetto.

Queste 4 azioni rappresentano i necessari step funzionali alla costruzione e successiva diffusione di buone prassi a livello locale.

 

I TERRITORI

 

Un altro aspetto innovativo, oltre all’applicazione del metodo didattico pedagogico che da il nome al progetto è il fatto che il progetto si realizza su 2 territori, diversi ma simili, a Napoli il quartiere Scampia e a Caivano il rione del Parco Verde.

La scelta del quartiere è stata dettata dall’analisi dei dati che caratterizzano i 2 territori, sui quali si registrano i peggiori indici IPE, elevata è la percentuale di ragazzi che abbandonano precocemente il sistema di istruzione e formazione (19%) e la percentuale di NEET (36,4%), rispetto alla media italiana (15% – 26,2 %) e per quanto riguarda questi ultimi, persino della media del Mezzogiorno (35,8 %).

Strettamente legato a questo aspetto è quello, ad esempio, delle competenze alfabetico – matematiche (193-192) molto inferiori alla media nazionale (200-200).

 

Dicono di noi:

 

IL MATTINO

COMUNICARE IL SOCIALE

IL ROMA

 

Segui le nostre attività!

 

logo testa cuore piedi  

”Un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”